Giovanni Battista Schiari
1791-1864
Magistrato devoto alla Madonna della Salette

Quella degli Schiari è una antica famiglia di Viù che annovera tra i suoi componenti diversi notai ed avvocati. Il personaggio più importante della famiglia è Giovanni Battista.
Giovanni Battista Schiari, nato a Torino il 15 gennaio 1791, avvocato, entra in magistratura, iniziando la sua carriera nel 1815 come sostituto dell’Avvocato fiscale (Procuratore del Re) di Torino. Nel 1829 entra nel Real Senato di Piemonte (Corte di Appello, dal 1848), nel 1853 diviene Presidente della seconda classe criminale della Corte di Appello di Torino.
Mentre ricopre questa carica è chiamato a presiedere i processi ai più rilevanti criminali del regno di Sardegna, soprattutto banditi di strada (grassatori) e assassini. Il processo più clamoroso è quello al bandito Francesco Delpero (1858), che l’anno precedente aveva terrorizzato il mandamento di Bra (Cuneo) con sue efferate rapine punteggiate di omicidi.
Giovanni Battista Schiari, nel 1860, è posto a riposo.
Dal 1841 è Decurione di Torino; ottiene la nomina a Grand’Ufficiale dell’Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro. È nominato conte il 14 aprile 1843 dal re Carlo Alberto.
Muore il 25 dicembre 1864, a Torino.
Giovanni Battista si sposa due volte: dalla prima moglie, Giuseppa Riccardi, nasce Domenico (Torino, 1817-1877), da cui nasce Edoardo (1854-1926).
Edoardo Schiari sposa Laura Gallina, figlia del conte Stefano, magistrato, ministro delle finanze e degli interni al tempo del re Carlo Alberto e poi senatore. Il conte Giovanni Gallina (Torino, 1852-1936), fratello di Laura, è ambasciatore e senatore.
Dal matrimonio di Edoardo e Laura nasce Alessandro (Torino, 1880-1937).
I discendenti di questo ramo ottengono, nel 1867, di potersi chiamare Schiari-Riccardi.
I conti Schiari-Riccardi erano proprietari di una bella villa a Villarbasse, con numeroso personale di servizio, tra cui il cuoco viucese Umberto Guglielmino. La villa Schiari-Riccardi di Villarbasse oggi appartiene ad altri proprietari.
La seconda moglie di Giovanni Battista Schiari è Felicita Scamozzi, dalla quale nascono Maria (1826), Giuseppe (1827), Vincenzo (1829), Alessandro (1833), Luisa (1834), Emilia (1837) e Camilla (1839-1925).
Nel 1863 il conte Giovanni Battista Schiari invoca ed ottiene dalla Madonna della Salette (Isère, Alpi francesi) apparsa nel 1846, la guarigione della figlia Camilla da una malattia incurabile. In seguito al voto fatto ed alla grazia ricevuta, fa erigere nel parco della sua villa di Viù una cappella dedicata a Nostra Signora della Salette, dove il pittore Rodolfo Morgari raffigura nel quadro dell’altare l’apparizione della Madonna ai due pastorelli.
Camilla, la figlia miracolata, per perpetuare il culto della Madonna, nel 1917 cede la proprietà della cappella e della villa alla Congregazione dei Padri Oblati di Maria Vergine, che ne entrano in possesso dopo la sua morte, nel 1925.
La villa Schiari, usata dapprima come casa per le vacanze estive degli Oblati di Maria Vergine e dei loro seminaristi, attualmente, sotto la guida di padre Andrea Brustolon e con l’aiuto di alcuni collaboratori laici, è divenuto un centro di spiritualità, aperto a chi desidera trascorrervi alcuni giorni lontano dalla frenetica quotidianità.
Nel giardino della villa, tre gruppi di statue, realizzati dallo scultore viucese Gabriele Garbolino Ru rappresentano tre momenti della apparizione della Madonna della Salette, raffigurata con la tipica cuffia di Viù.
Ritratto del conte Giovanni Battista Schiari

Ritratto del conte Giovanni Battista Schiari.

Conte Giovanni Gallina (Torino, 1852-1936), ambasciatore e senatore.

Conte Giovanni Gallina (Torino, 1852-1936), ambasciatore e senatore.

Dipendenti Famiglia Schiari-Riccardi
Quadro del pittore Rodolfo Morgari

Quadro del pittore Rodolfo Morgari che raffigura l’apparizione di Nostra Signora della Salette ai due pastorelli.

Gruppi scultorei di Gabriele Garbolino Ru.

Gruppi scultorei della apparizione mariana della Salette, realizzati dallo scultore viucese Gabriele Garbolino Ru.

Gruppi scultorei di Gabriele Garbolino Ru.

Gruppi scultorei della apparizione mariana della Salette, realizzati dallo scultore viucese Gabriele Garbolino Ru.

Gruppi scultorei di Gabriele Garbolino Ru.

Gruppi scultorei della apparizione mariana della Salette, realizzati dallo scultore viucese Gabriele Garbolino Ru.

Gruppi scultorei di Gabriele Garbolino Ru.

Gruppi scultorei della apparizione mariana della Salette, realizzati dallo scultore viucese Gabriele Garbolino Ru.

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ donatellacane.eu e saranno immediatamente rimossi. Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

I cookie aiutano www.donatellacane.eu a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo. Privacy Policy completa